Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

itenfrdeptrorues

Federazione Riformista

Mail: info@federazioneriformista.it
Mobile: (+39) 348 5941505
Sito Web: federazioneriformista.it

Vuoi richiedere informazioni?
Clicca qui...

Sandro Principe interviene sulla vicenda del Parco Acquatico

La vicenda del Parco Acquatico, all’attenzione dell’ultimo consiglio comunale, può essere così riassunta: 1) è emersa la non contestabile verità che il Parco rappresenta un valore aggiunto per la comunità rendese, sotto il profilo dello svago e dell’impiego del tempo libero, della cura della salute e del corpo, turistico, della ristorazione,  dell’organizzazione di eventi e, conseguentemente, dello sviluppo economico ed occupazionale; 2) sono risultate evidenti le responsabilità’ di Manna per:

a) aver inaugurato il Parco non ancora completato (mancano persino gli alberi e non c’è un fiore); b) per aver proceduto all’affidamento  della struttura senza garanzie sulle qualità imprenditoriali ed umane del gestore, che ha costretto l’amministrazione a disporre, dopo circa un solo anno, la risoluzione del contratto; c) per non avere posto in essere i dovuti controlli effettivi e non inutilmente solo burocratici; d) per aver consentito il discredito nazionale e regionale della struttura dovuto al comportamento di un dirigente della impresa, evidentemente in rapporti   con esponenti dell’amministrazione, per come gli eventi hanno certificato; e) per non aver preteso dal gestore la relazione annuale da cui sarebbero emersi gli ingenti incassi registrati per l’attività della sola balneazione per due mesi (circostanza che evidenzia le potenzialità economiche del Parco) ed, altresì, il mancato pagamento di dipendenti e fornitori;

3) che sarebbe avventato procedere ad improvvisate gestioni temporanee, che finirebbero per sputtanare definitivamente Il parco; 4) che, viceversa, e’ necessario procedere all’esperimento di gara europea, preceduta da approfondita ricerca preselettiva di soggetti gestionali di alto profilo a cui far conoscere l’infrastruttura da completare nelle more; 5) che il comune deve seriamente fare quanto nelle sue possibilità, spendendo il suo prestigio politico, per soddisfare  le giuste aspettative retributive dei lavoratori  dipendenti, tutti assunti nelle settimane immediatamente precedenti la consultazione elettorale  del 2019.

In ultimo, ma non per ultimo, che nessuno abbia l’ardire di sconvolgere con atti sconsiderati il progetto così come realizzato con l’approvazione delle competenti Autorità Europee, che ne hanno sostenuto il finanziamento. Eventuale distruzione di un bene pubblico, con sperpero di pubblico denaro, avrebbe rilevanza penale e di danno erariale e gravi ripercussioni nel rapporto con l’Unione Europea.

On. Sandro Principe, consigliere comunale della Federazione Riformista 

News

Gianluca De Rango:"Surdo e Saporito vivono un vero e proprio abbandono"

25 Luglio 2020

Se una città viene apprezzata per il suo centro, quasi sempre cuore economico e commerciale,sono quartieri e frazioni periferiche a darne caratterizzazione. Da questo punto di vista Saporito e Surdo...

Sandro Principe interviene sulla vicenda del Parco Acquatico

25 Luglio 2020

La vicenda del Parco Acquatico, all’attenzione dell’ultimo consiglio comunale, può essere così riassunta: 1) è emersa la non contestabile verità che il Parco rappresenta un valore aggiunto per la comunità...

Il sistema della raccolta differenziata nel Comune di Rende è profondamente iniquo

17 Luglio 2020

La denuncia dell'Unione Nazionale Consumatori conferma le nostre tesi e le nostre battaglie sul sistema profondamente iniquo della raccolta differenziata nel Comune di Rende. Per i cittadini oltre al danno...

Midulla: City Garden e Villaggio Europa abbandonati e in declino

17 Luglio 2020

Il City Garden nei primi anni del 2000 ha rappresentato un luogo di edilizia urbana mirato alla socialità tra giovani e meno giovani, proprietari degli appartamenti lì situati. Un vero...



Mail: info@federazioneriformista.it
Mobile: (+39) 348 5941505
Sito Web: federazioneriformista.it
Codice Fiscale: PRNLNZ89A16D086M

L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo
© Copyright - 2020 - Tutti i diritti riservati






Powered by







Contatore utenti connessi


Search